Fine del mercato tutelato?

fine mercato tutelato

Trova subito la tua tariffa nel mercato libero senza stress!

✔️ Offerte personalizzate
✔️ Senza burocrazia
💡 Gratuito e digitale

5 modi per capire se hai un contratto nel mercato libero o tutelato

fine mercato tutelato
Aggiornato il 21 Dicembre 2023

Senti molto parlare della fine del mercato tutelato ma non riesci a capire in quale mercato sia il tuo contratto di fornitura luce e gas? Di seguito ti spieghiamo alcuni semplici metodi per scoprirlo partendo dalla tua bolletta.

💡 5 MODI PER CAPIRE SE HAI UN CONTRATTO IN TUTELA O NEL MERCATO LIBERO

1. Cosa c’è scritto nella parte alta della bolletta?▪️ “Servizio di maggior tutela” (sinonimo di mercato tutelato)
▪️ “Mercato libero” 
2. Di che colore è la bolletta?▪️ Bianco e nero -> Mercato tutelato
▪️ A colori -> Mercato libero
3. Il tuo fornitore è nell’elenco dei fornitori del servizio di tutela?Controlla in questa lista
4. Quando hai cambiato fornitore l’ultima volta?▪️ Prima del 1999 -> Mercato tutelato
▪️ Dopo il 1999 -> Mercato libero 
5. Hai ancora il dubbio?Contatta il tuo fornitore

Passa al mercato libero insieme a Switcho: con il nostro servizio gratuito e interamente digitale troverai l’offerta gas e luce più adatta alle tue esigenze. E gestiremo noi tutta la burocrazia del cambio 😇

fine mercato tutelato

Indice

Come capire il mercato leggendo la bolletta

Come disposto dall’ARERA, ogni fornitore è obbligato a specificare il mercato di appartenenza in bolletta. Ecco alcuni esempi.

Qui puoi vedere l’intestazione di una bolletta di Servizio Elettrico Nazionale, fornitore luce del gruppo Enel che opera nel servizio a maggior tutela 👇

bolletta Servizio Elettrico Nazionale

Questa invece è una bolletta di Enel Energia, che opera nel mercato libero 👇

Bolletta Enel fornitura mercato libero

Come vedi, il mercato è ben specificato già nella parte alta della fattura, così da essere subito evidente. In alcuni casi puoi trovare questa informazione sotto la dicitura “caratteristiche del contratto” o simile, ma sempre nella prima pagina.

💡 Un altro metodo per capire già a colpo d’occhio se sei nel mercato tutelato oppure in quello libero è guardare il colore della bolletta. Spesso, infatti, quelle del mercato libero sono a colori; quelle del mercato tutelato potrebbero invece essere in bianco e nero.

Mercato libero o tutelato: qual è il tuo fornitore?

Mentre nel mercato libero i fornitori sono più di 200, in quello di maggior tutela il numero è molto più ridotto. Per questo potresti già identificare il tuo fornitore tra quelli più diffusi:

  • Servizio Elettrico Nazionale (gruppo Enel);
  • Servizio Elettrico Roma (gruppo Acea);
  • Il Servizio Elettrico (gruppo Iren);
  • A2A servizio di maggior tutela;
  • Eni Plenitude servizio di maggior tutela;
  • Estra servizio di maggior tutela;
  • Energia Base (gruppo Hera Comm);
  • TU.GG (gruppo Alperia);
  • AGSM AIM Energia (gruppo AGSM);
  • Trenta (gruppo Dolomiti Energia).

Come puoi notare, molti dei fornitori luce e gas più conosciuti operano sia nel mercato libero che in quello tutelato, ma nella maggior parte dei casi con nomi diversi. 

Quando hai cambiato fornitore l’ultima volta?

Se non hai più cambiato fornitore dal 1999, anno in cui è stato privatizzato il mercato energetico con il Decreto Bersani, allora sarai sicuramente un cliente del mercato tutelato.

Attualmente una percentuale notevole di clienti domestici si trova in questa situazione ma il numero di utenti nel mercato libero cresce di anno in anno 👇

Se invece negli ultimi anni hai cambiato fornitore, è molto probabile che tu sia già nel mercato libero. Secondo i dati ARERA, infatti, solo lo 0,2-0,5% dei clienti che passa al libero torna poi nel servizio di maggior tutela

Chi contattare se non sai in quale mercato hai il contratto

Se tutti i trucchi spiegati finora non hanno risolto il tuo dubbio, non ti resta che contattare il tuo fornitore per risolvere la questione una volta per tutte. Ti basta chiamare il numero verde dedicato, che puoi reperire in bolletta oppure sul sito del fornitore.

Qui trovi alcune guide utili con i contatti dei principali operatori:

Differenze tra mercato libero e tutelato

Oltre al fornitore, quali altre differenze ci sono tra un mercato e l’altro? Questa tabella riassume in poche parole il discorso : 

MERCATO LIBEROMERCATO TUTELATO
Il prezzo dell’energia 💸 varia in base all’offerta, e viene deciso dal fornitore.Il prezzo dell’energia 💸 è uguale per tutti, e viene dettato dall’autorità ARERA.
Il fornitore 🏭 viene scelto dal cliente sulla base dell’offerta specifica.Il fornitore 🏭 viene scelto dal cliente ma applica i prezzi ARERA.
L’ente di controllo 🚨 è AGCM (Antitrust).L’ente di controllo 🚨 è ARERA.
Il vantaggio principale ✅ è la vastità di opzioni che si hanno nella scelta dell’offerta giusta.Il vantaggio principale ✅ è la stabilità dei prezzi (vero solo quando il mercato energetico è stabile).

La differenza principale sta nelle modalità di calcolo delle tariffe: chi si trova nel mercato libero paga in base alla tariffa decisa dal suo fornitore, mentre chi si trova in maggior tutela paga le tariffe definite da ARERA. Queste ultime si basano sul prezzo del mercato all’ingrosso e variano trimestralmente per la luce e mensilmente per il gas.

💡 Costo energia ARERA per il mercato tutelato

La tariffa per la luce nel primo trimestre del 2024 (gennaio-marzo) è 0,252 €/kWh tasse incluse.

Aggiornamento febbraio 2024

🔥 Costo gas ARERA per servizio di tutela della vulnerabilità

La tariffa per il gas a febbraio 2024, valida per le bollette di gennaio, è 1,046 €/Smc tasse incluse.

Aggiornamento febbraio 2024

Nel mercato libero, invece, tutto dipende dalla tariffa scelta, se a prezzo fisso o indicizzato:

  • A prezzo fisso: il prezzo rimane uguale per tutta la durata del contratto, e l’importo in bolletta dipende solo dai consumi;
  • A prezzo indicizzato (o variabile): il prezzo varia mensilmente in base all’andamento degli indici PUN per la luce e PSV per il gas.

💡 PUN (Prezzo Unico Nazionale)

L’indice PUN (Prezzo Unico Nazionale) è il prezzo all’ingrosso dell’energia elettrica pagato dai fornitori, che corrisponde a 0,0992 €/kWh.

Aggiornamento febbraio 2024

🔥 PSV (Punto di Scambio Virtuale)

Il PSV (Punto Scambio Virtuale) indica il prezzo all’ingrosso del gas pagato dai fornitori, che corrisponde a 0,3338 €/Smc.

Aggiornamento febbraio 2024

Il grande vantaggio del libero mercato è la vasta gamma di opzioni in fatto di fornitori, tariffe e servizi aggiuntivi: chiunque può trovare la soluzione che meglio si addice ai suoi consumi. L’altro lato della medaglia è che, in questo mare di offerte, non tutte risultano davvero convenienti e occorre quindi saperle scegliere con attenzione (col nostro aiuto, ad esempio!).

Nuova pratica switcho
Nuova pratica switcho

Quando finisce il mercato tutelato?

Dopo numerosi rinvii, è ormai confermata la fine prossima del mercato tutelato del gas, mentre la scadenza della tutela luce è stata prorogata a luglio 2024. In questa tabella trovi tutte le date di scadenza per ogni categoria di consumatore 👇

TIPOLOGIA UTENZAFINE MERCATO TUTELATO
Azienda PMI, luce 💡Gennaio 2021
Microimprese, luce 💡 (meno di 10 dipendenti, meno di 2 mln di fatturato)Aprile 2023
Domestica – clienti non vulnerabili, gas 🔥 (anche condomini)Gennaio 2024
Domestica – clienti non vulnerabili, luce 💡Luglio 2024
Domestica – clienti vulnerabili, luce e gas 💡🔥Nessuna scadenza

Il 2024 vedrà la fine del mercato tutelato del gas (a gennaio) e dell’energia elettrica (a luglio) per tutti i clienti non vulnerabili. 

Ti consigliamo, quindi, di attivare un’offerta luce e gas nel mercato libero. Ricorda, però, che in caso non venga fatta una scelta la fornitura sarà comunque garantita:

  • Per il gas, si rimarrà con lo stesso fornitore che applicherà una tariffa PLACET;
  • Per la luce, si passerà ad un fornitore del Servizio a Tutele Graduali selezionato tramite asta territoriale, con un’offerta PLACET.

Per tutti i clienti vulnerabili, invece, il discorso è molto diverso: queste persone continueranno ad usufruire del servizio di tutela (che, per il gas, prenderà il nome di servizio di tutela della vulnerabilità), a meno che non scelgano di passare di loro volontà al mercato libero.  

💡 I clienti vulnerabili sono quelli con una fragilità anagrafica (over 75), economica (percettori di bonus) o di salute (con determinati apparecchi medicali in casa). 

Come fare il passaggio al mercato libero

Se alla fine di questo articolo hai capito di essere attualmente nel mercato tutelato e vuoi passare a quello libero, ecco a te tutte le informazioni utili 🤓

  • È completamente gratuito e senza penali;
  • Richiede circa 45-60 giorni di tempo;
  • Non occorre dare disdetta al fornitore attuale;
  • Non sono previsti interventi al contatore o interruzioni di fornitura;
  • Basta sottoscrivere un contratto nel mercato libero e il nuovo fornitore gestirà il passaggio.

Per quanto semplice, il processo comporta un po’ di burocrazia e può far sorgere della confusione relativa alla scelta dell’offerta luce e gas. Per questo ci siamo noi di Switcho: ci occupiamo di trovare le tariffe più vantaggiose per te e gestiamo anche tutte le scartoffie al posto tuo, gratuitamente e senza call center.

risparmia sulle bollette con switcho

Intanto, qui trovi alcune delle offerte del mercato libero più vantaggiose di questo periodo 👇

OffertaTariffaDettagli
Pulsee RELAX Index
Pulsee
Prezzo luce
0 €/kWh + PUN
Costo fisso annuo 144€

Prezzo gas
0 €/Smc + PSBIL
Costo fisso annuo 144€

✅ Prezzo indicizzato
✅ Zero burocrazia con Switcho
E.ON FlexClick
E.ON
Prezzo luce
0,0222 €/kWh + PUN
Costo fisso annuo 108€

Prezzo gas
0,104 €/Smc + PSV
Costo fisso annuo 108€
✅ Sconto 27€
✅ Prezzo indicizzato
✅ Zero burocrazia con Switcho
VIVIWeb Market LuceGas
VIVI Energia
Prezzo luce
0,034 €/kWh + PUN
Costo fisso annuo 132€

Prezzo gas
0,135 €/Smc + PSV
Costo fisso annuo 132€
✅ Sconto 60€ solo con Switcho + 88€ di bonus fedeltà
✅ Prezzo indicizzato con tariffa trioraria
✅ Zero burocrazia con Switcho
Redi Vyshka

Redi Vyshka

COO e co-fondatore di Switcho, esperto nei campi della consulenza manageriale e della finanza aziendale, Redi ha contribuito nel 2019 alla progettazione e al lancio del primo servizio in Italia che, con pochi clic, consente di analizzare le proprie spese di casa e di trovare le opportunità personalizzate di risparmio, dimenticandosi la burocrazia. Dalla nascita di Switcho, Redi prende parte a numerosi eventi su startup e settore energetico, grazie alla sua competenza pluriennale nel mercato delle forniture di gas e luce e nelle soluzioni per ridurre i costi in bolletta. Leggi tutti i suoi articoli e seguilo su LinkedIn.
Aggiornato il 21 Dicembre 2023
Home » Luce e Gas » Mercato Energetico » 5 modi per capire se hai un contratto nel mercato libero o tutelato

Ti potrebbe piacere anche

Articoli correlati

risparmia con switcho