Il mercato tutelato sta per chiudere

fine mercato tutelato

Non aspettare la scadenza, scegli la tua tariffa nel mercato libero!

✔️ Offerte personalizzate
✔️ Senza burocrazia
💡 Gratuito e digitale

Cos’è il mercato libero dell’energia e del gas? Tariffe, condizioni e passaggio

fine mercato tutelato

In cosa consiste il mercato libero dell’energia? Che cosa implica per i clienti finali? E soprattutto: conviene? Queste sono tutte domande lecite visto l’imminente passaggio obbligatorio al mercato libero luce e gas per le utenze domestiche. Niente paura, in questo articolo chiariremo tutti i tuoi dubbi 🤓

Il mercato libero dell’energia, in breve:

  • È un sistema che permette ai fornitori energetici di dettare i prezzi in maniera autonoma, e al cliente finale di scegliere l’offerta con le caratteristiche più idonee alle sue esigenze.
  • Il passaggio al mercato libero è gratuito e non comporta alcuna interruzione delle forniture di luce e gas.
  • Per le utenze domestiche dei clienti non vulnerabili, diventerà obbligatorio a partire dall’inizio del 2024.
fine mercato tutelato

Indice: 

Mercato libero: definizione e funzionamento

Il mercato libero dell’energia (o semplicemente “mercato libero”) consiste in una forma di mercato energetico dove i prezzi di vendita di gas ed energia elettrica per i clienti finali vengono scelti in autonomia dalle aziende private che forniscono energia.

Va specificato che, seppur autonomi, i fornitori energetici vengono supervisionati dall’Antitrust (AGCM), ente di controllo che si occupa di garantire una corretta prezzatura e procedure trasparenti.

Il mercato libero rappresenta un’alternativa al sistema del mercato tutelato (o “servizio di maggior tutela”) dove invece i prezzi vengono decretati dall’autorità (ARERA), e sono uguali per tutti i clienti finali. 

⚠️ È in corso la totale liberalizzazione del mercato energetico, il che implicherà la fine del mercato tutelato. La principale motivazione dietro questa scelta è che il mercato libero è concorrenziale, vale a dire che i diversi fornitori sono spinti ad offrire servizi vantaggiosi a prezzi competitivi, cosicché i clienti possano scegliere l’offerta più adatta. Ciò non può avvenire invece con il servizio di maggior tutela, dove i prezzi sono uguali per tutti e non c’è quindi competizione.

Energia: mercato libero VS tutelato

Per capire meglio la differenza tra mercato libero e tutelato, ecco un breve excursus:

MERCATO LIBEROMERCATO TUTELATO
Il prezzo dell’energia 💸 varia in base all’offerta, e viene deciso dal fornitore.Il prezzo dell’energia 💸 è uguale per tutti, e viene dettato dall’autorità ARERA.
Il fornitore 🏭 viene scelto dal cliente sulla base dell’offerta specifica.Il fornitore 🏭 viene scelto dal cliente ma applica i prezzi ARERA.
L’ente di controllo 🚨 è AGCM (Antitrust).L’ente di controllo 🚨 è ARERA.
Il vantaggio principale ✅ è la vastità di opzioni che si hanno nella scelta dell’offerta giusta.Il vantaggio principale ✅ è la stabilità dei prezzi (vero solo quando il mercato energetico è stabile).

Mercato libero energia: obbligatorio da quando?

La liberalizzazione del mercato energetico, e quindi la fine del servizio di maggior tutela, era stata prevista  – in origine – per il 2015/2016, ma ha subito numerosi rinvii. La prima evoluzione a tale riguardo si è verificata a gennaio 2021, quando è avvenuta la liberalizzazione del mercato per le PMI. Al momento la situazione è questa:

TIPOLOGIA UTENZAFINE MERCATO TUTELATO
Azienda PMI, luce 💡Gennaio 2021
Microimprese, luce 💡 (meno di 10 dipendenti, meno di 2 mln di fatturato)Aprile 2023
Domestica – clienti non vulnerabili, gas 🔥 (anche condomini)Gennaio 2024
Domestica – clienti non vulnerabili, luce 💡Aprile 2024
Domestica – clienti vulnerabili, luce e gas 💡🔥Nessuna scadenza

La fine del mercato tutelato per gli utenti domestici non vulnerabili è prevista il 1° gennaio 2024 per il gas e il 1° aprile 2024 per la luce.

Se non lo hai già fatto, sappi che puoi passare al mercato libero dell’energia fin da subito. Ti ricordiamo che questa operazione:

  • Non comporta interruzioni di fornitura di gas e luce;
  • È gratuita;
  • Non è necessario alcun intervento sul contatore;
  • Non prevede penali da parte del vecchio fornitore;

Per approfondire il tema, puoi leggere i nostri articoli sul passaggio obbligatorio al mercato libero e sulla fine del mercato tutelato del gas 😉

Nuova pratica switcho
Nuova pratica switcho

Conviene passare al mercato libero luce e gas?

Passare al mercato libero dell’energia, oltre a favorire lo sviluppo di un mercato concorrenziale basato sulla competizione tra fornitori, presenta molti vantaggi per i clienti:

  • Tariffe a prezzo bloccato: nel mercato libero puoi attivare offerte che bloccano il prezzo dell’energia per un determinato numero di mesi. Questo non accade nel mercato tutelato, dove il prezzo della luce viene aggiornato trimestralmente e quello del gas mensilmente.
  • Le offerte dual: sono offerte luce e gas con lo stesso fornitore, e che sono tendenzialmente più convenienti delle singole offerte.
  • La vastità di offerte tra cui scegliere in base alle proprie necessità. Non sai come scegliere per risparmiare? Ci pensa Switcho 😎 analizziamo la tua bolletta e ti indichiamo quali sono le offerte migliori nel tuo caso, gratuitamente.

Un altro beneficio che un’offerta nel mercato libero può portare è il risparmio 👇

Come puoi vedere, nell’ultimo periodo la spesa annua media nel mercato libero è stata più alta della spesa annua in quello tutelato, è vero, ma la migliore offerta nel mercato libero è decisamente più conveniente del mercato tutelato. Per questo possiamo affermare che spesso e volentieri, passare al mercato libero conviene.

Cosa ci dice questo? Questi dati mostrano in maniera limpida come nel mercato libero dipende tutto dall’offerta che scegli, e ti ricordiamo che nel selezionare la tariffa più giusta per te possiamo aiutarti noi di Switcho 🥰

Passaggio al mercato libero: come fare

Passare al mercato libero per gas ed energia elettrica è un’operazione relativamente semplice: tutto ciò che dovrai fare è sottoscrivere un contratto con il nuovo fornitore, per il quale avrai bisogno di comunicare:

  • I tuoi dati anagrafici (Nome, Cognome, Codice Fiscale)
  • Documento d’identità
  • Indirizzo email
  • IBAN (se opti per l’addebito diretto)
  • L’indirizzo della fornitura
  • Codice POD (per la luce) e/o Codice PDR (per il gas), ovvero codici alfanumerici che trovi in bolletta, e che identificano univocamente la tua utenza.

Come già detto, cambiare fornitore luce e gas è sempre gratuito e, per quanto riguarda i tempi, il limite massimo è di 60 giorni lavorativi per utenza:

⚠️ Come abbiamo visto nei paragrafi precedenti, il mercato libero permette ai clienti di scegliere l’offerta luce e gas più adatta, ed è proprio questo il passaggio più ostico, ovvero rispondere alla fatidica domanda:

Come trovo l’offerta più giusta per me?

Puoi confrontare manualmente la miriade di offerte presenti sul mercato, oppure puoi affidarti a Switcho: analizziamo la tua bolletta più recente e ti mostriamo le offerte con cui risparmieresti. La parte migliore? Puoi attivare l’offerta che preferisci direttamente online, e ci occuperemo noi delle scartoffie. Tutto 100% gratuito e digitale.

Tariffe energia elettrica e gas mercato libero

Come detto in precedenza, nel mercato libero esistono diverse tipologie di offerte per energia elettrica e gas, così da permettere al cliente finale di scegliere quella più adatta alle proprie esigenze. In questo paragrafo vedremo quali sono le principali tipologie di offerte:

1. Tariffa a prezzo fisso VS variabile

Al contrario di quanto accade nel servizio di maggior tutela, dove il prezzo dell’energia e gas è sempre e solo variabile (poiché viene aggiornato trimestralmente per la luce e mensilmente per il gas), nel mercato libero gas e energia elettrica possono anche avere un prezzo fisso:

📍 TARIFFA A PREZZO FISSO📊 TARIFFA A PREZZO VARIABILE
Il costo della materia prima viene fissato alla stipula del contratto e non cambia per tutta la durata dello stesso.Il costo della materia prima è adeguato mensilmente in base all’andamento del mercato energetico (PUN e PSV 👇).

💡 PUN (Prezzo Unico Nazionale)

L’indice PUN (Prezzo Unico Nazionale) è il prezzo all’ingrosso dell’energia elettrica pagato dai fornitori, che corrisponde a 0,1343 €/kWh.

Aggiornamento novembre 2023

🔥 PSV (Punto di Scambio Virtuale)

Il PSV (Punto Scambio Virtuale) indica il prezzo all’ingrosso del gas pagato dai fornitori, che corrisponde a 0,4679 €/Smc.

Aggiornamento novembre 2023

❓ Quale conviene?

In una situazione di mercato energetico sano, la tariffa a prezzo fisso è probabilmente la più conveniente. Detto questo, dopo l’avvento della crisi energetica nel 2022 le tariffe a prezzo fisso scarseggiano e, al momento, le offerte a prezzo variabile lasciano più spazio al risparmio.

Il modo migliore di scoprire se nel tuo caso ti conviene un’offerta fissa o variabile, è richiedere l’analisi gratuita delle bollette con Switcho: ti mostreremo solo le offerte con cui risparmi per davvero, e puoi attivare la tua preferita online e senza scartoffie 🧘

👉 Scopri di più nel nostro articolo dedicato: meglio prezzo fisso o indicizzato?

2. Tariffa monoraria VS bi- o multioraria

Nel mercato libero l’energia elettrica può avere prezzi diversi in base all’ora e al giorno in cui la si consuma, tramite la divisione per fasce F1, F2 e F3. Anche nel mercato tutelato esiste la tariffa bioraria (solo due fasce: F1 e F23), ma la differenza di prezzo è minima. Per beneficiare davvero da una tariffa multioraria ti consigliamo a prescindere di attivare un’offerta luce nel mercato libero:

💡 TARIFFA MONORARIA🚦 TARIFFA BI- O MULTIORARIA
Applica lo stesso prezzo all’energia durante tutta la settimana e a tutte le ore del giorno.Applica prezzi dell’energia diversi in base al giorno e all’orario in cui la si utilizza.
Fasce orarie per la fornitura di energia elettrica
In alcuni casi F2 e F3 vengono unite in un’unica fascia (F23)

❓ Quale conviene?

In questo caso dipende essenzialmente dalle tue abitudini di consumo e dal modo in cui vivi in casa: ad esempio, se durante il giorno sei in ufficio e la casa è vuota, allora ti conviene una tariffa multioraria. Se invece lavori da casa, ti converrà presumibilmente una tariffa monoraria.

👉 Per approfondire: meglio una tariffa monoraria o bioraria?

3. Offerte PLACET

Le offerte PLACET sono offerte attivabili nel mercato libero dove però le condizioni contrattuali e le componenti di prezzo vengono scelte dall’autorità ARERA (come nel servizio di maggior tutela). PLACET è infatti un acronimo di “Prezzo Libero A Condizioni Equiparate di Tutela”, e queste offerte sono state ideate proprio per favorire una cauta transizione verso il mercato libero.

❓ Conviene?

Queste offerte presentano prezzi più alti della media e quindi le sconsigliamo, poiché esistono offerte nel mercato libero decisamente più convenienti.

3. Offerte Dual Fuel

Le offerte dual fuel (o bifuel) sono offerte messe a disposizione da un fornitore che includono sia energia elettrica che gas metano.

❓ Conviene?

Il vantaggio principale di queste offerte non sta tanto nel prezzo, quanto nella semplificazione della gestione delle utenze. Avendo un solo fornitore per entrambe le utenze, puoi rivolgerti allo stesso ente per problemi, comunicazioni o richieste sia per il gas che per la luce. Inoltre, i due contratti (di luce e gas) hanno la stessa data di scadenza.

Mercato libero energia: confronto prezzi

Ecco alcune offerte luce e gas nel mercato libero che abbiamo selezionato. Scopri se una di queste offerte è quella giusta per te, con Switcho: analizziamo le tue bollette per conoscere la tua situazione, ti indichiamo quali offerte ti porterebbero un risparmio reale, e attivi la tue preferita online, senza burocrazia 😎 

OffertaTariffaDettagli
A2A Smart Casa
A2A
Prezzo luce
0,029 €/kWh + PUN
Costo fisso annuo 114€

Prezzo gas
0,12 €/Smc + PSV
Costo fisso annuo 114€
✅ Prezzo indicizzato
✅ Zero burocrazia con Switcho
Eni Plenitude Trend Casa
Eni Plenitude
Prezzo luce
0,0231 €/kWh + PUN
Costo fisso annuo 144€

Prezzo gas
0,1 €/Smc + PSV
Costo fisso annuo 144€
✅ Prezzo indicizzato
✅ Zero burocrazia con Switcho
Hera PiùControllo ACTIVE Casa
Hera
Prezzo luce
0 €/kWh + PUN
Costo fisso annuo 168€

Prezzo gas
0,1 €/Smc + PSV
Costo fisso annuo 144€
✅ Prezzo indicizzato
✅ Zero burocrazia con Switcho

Cosa accade se non passi al libero mercato dell’energia?

Come già specificato, nel 2024 il mercato tutelato cesserà di esistere per tutti i clienti domestici non vulnerabili. Ma che significa questa espressione e chi vi rientra? E soprattutto, cosa succederà a chi non avrà attivato un contratto nel mercato libero dell’energia prima della scadenza?

Innanzitutto è bene chiarire un concetto: le forniture non verranno staccate, ma potranno cambiare il fornitore e l’offerta, con conseguente impatto in bolletta.

Le scadenze attualmente previste valgono solo gli utenti non vulnerabili, mentre quelli vulnerabili potranno continuare ad usufruire del servizio di maggior tutela. In particolare, si tratta di coloro che presentano almeno una delle seguenti caratteristiche:

  • sono in condizioni economicamente svantaggiate (ad esempio percettori di bonus);
  • presentano gravi condizioni di salute tali da richiedere l’utilizzo di apparecchiature medico-terapeutiche alimentate dall’energia elettrica;
  • presentano disabilità ai sensi dell’articolo 3 legge 104/92;
  • abitano in una struttura di emergenza a seguito di eventi calamitosi;
  • hanno un’utenza in un’isola minore non interconnessa;
  • hanno un’età superiore ai 75 anni.

Ecco cosa accadrà ai clienti non vulnerabili che non avranno effettuato il passaggio al mercato libero nei tempi previsti:

  1. Luce: dopo la scadenza, il cliente passerà al Servizio a Tutele Graduali con un fornitore assegnato tramite asta territoriale e con un’offerta PLACET (Prezzo Libero A Condizioni Equiparate di Tutela).
  2. Gas: dopo la scadenza, il cliente sarà passato su un’offerta PLACET a prezzo variabile proposta dal suo attuale fornitore.

Cos’è il Servizio a Tutele Graduali?

Il Servizio a Tutele Graduali è un servizio istituito dall’autorità ARERA per facilitare la transizione totale verso il mercato libero dell’energia in vista della fine del tutelato per le PMI (a gennaio 2021). Qual è stato il suo funzionamento?

Tutte le PMI rimaste nel mercato tutelato dopo gennaio 2021 sono automaticamente rientrate nel Servizio a Tutele Graduali, vale a dire che le loro forniture sono state assegnate ad un fornitore designato tramite concorso, con un’offerta PLACET .

Se non vuoi ritrovarti con un’offerta PLACET nel 2024, puoi confrontare le migliori offerte gas e luce nel mercato libero e attivare la tua preferita. Ti diamo una mano noi di Switcho 😎 ti indichiamo quanto risparmieresti annualmente con altre offerte, e se decidi di cambiare ci occupiamo noi di tutta la burocrazia del cambio fornitore, gratuitamente!

risparmia sulle bollette con switcho

Mercato energia in Italia: storia ed evoluzione

Il 6 dicembre 1962 si sanciva la nazionalizzazione dell’industria elettrica in Italia. Da allora, il mercato energetico nazionale è stato gestito esclusivamente dallo Stato, che ne definiva condizioni e prezzi, fino al 1999, data che decreta la fine del monopolio statale sull’energia elettrica con il Decreto Bersani.

Fino al 1999, infatti, esistevano solo due fornitori: c’era ENEL (Ente Nazionale per l’Energia Elettrica) per la luce, mentre per il gas c’era ENI (Ente Nazionale Idrocarburi). Le due aziende divennero S.p.A. nel 1992, in vista dell’imminente liberalizzazione del mercato:

Il Decreto Bersani (D.L. 16 Marzo 1999, n. 79) sancisce ufficialmente la fine del monopolio statale sulla fornitura di energia elettrica. Poco dopo, con il D.L. 23 maggio 2000, n. 164, fu istituita anche la liberalizzazione del mercato del gas.

Da allora esistono in Italia due mercati: quello tutelato (dove l’autorità ARERA decide prezzi e condizioni) e quello libero (dove le società di fornitura energetica decidono autonomamente i prezzi). In questi due mercati, i fornitori energetici operano secondo le leggi che li regolano.

Utenti nel mercato tutelato (ARERA) VS mercato libero

I trend del settore energetico mostrano come, soprattutto negli ultimi 5 anni, si sia verificato un aumento significativo delle persone che scelgono il mercato tutelato. Qui di seguito trovi uno spaccato dei due mercati per gli utenti luce e gas:

⚠️ Ti ricordiamo ancora che la scadenza per passare al mercato libero è il 10 gennaio 2024.

Fornitori energia elettrica e gas mercato libero

Se ti stai chiedendo quali sono i fornitori luce e gas più scelti tra quelli che operano nel mercato libero dell’energia, nel grafico che vedi qui sotto trovi la risposta:

FAQ sul mercato libero energia elettrica e gas

Cosa si intende per mercato libero?

Il mercato libero dell’energia consiste in una forma di mercato dove i prezzi di vendita dell’energia elettrica e del gas per i clienti finali vengono scelti dai fornitori privati, e non dallo Stato. Questa forma di mercato permette ai fornitori di operare in un mercato competitivo, e ai clienti finali di scegliere tra una vasta gamma di offerte luce e gas.

Cosa succede se non si aderisce al mercato libero?

Gli utenti domestici non vulnerabili che, alla scadenza del mercato tutelato, non avranno ancora attivato un contratto nel mercato libero saranno assegnati al Servizio a Tutele Graduali (nel caso delle forniture luce) oppure resteranno con il loro fornitore ma con un’offerta PLACET (nel caso delle forniture di gas). Ricorda che non ci sarà mai alcuna interruzione di fornitura. 

Quanto conviene il mercato libero?

Il mercato libero ha il vantaggio di presentare prezzature diverse in base all’offerta e tipologie di tariffa diverse tra loro (fissa/variabile, monoraria/multioraria etc). Questo permette ai clienti di scegliere l’offerta luce e gas che più si adegua alle loro necessità e alle loro abitudini di consumo.

Come tutelarsi dal mercato libero?

Il mercato libero è un mercato sicuro in quanto viene supervisionato dall’AGCM (“Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato”), noto ai più come Antitrust. Questo è un ente di controllo che si occupa di garantire una corretta prezzatura dell’energia e si accerta della trasparenza nelle procedure.

Che differenza c’è tra Enel Energia e Enel mercato libero?

Il Gruppo Enel ha al suo interno Enel Energia, il fornitore luce e gas che opera nel mercato libero, e anche SEN (Servizio Elettrico Nazionale) fornitore di sola energia elettrica per i clienti rimasti nel mercato tutelato.

Fonti

Monitoraggio sull’evoluzione dei mercati di vendita al dettaglio dell’energia elettrica e del gas | ARERA
https://www.arera.it/allegati/docs/23/030-23.pdf

Servizio a Tutele Graduali | ARERA
https://www.arera.it/it/consumatori/STG.htm

Fine tutela | ARERA
https://www.arera.it/it/consumatori//finetutela.htm
Marco Tricarico

Marco Tricarico

CEO e co-fondatore di Switcho, appassionato di startup e mondo digitale ed esperto di finanza aziendale e consulenza strategica, nel 2019 Marco ha deciso di lanciare un servizio innovativo che offrisse una soluzione di risparmio pratica e realmente imparziale sulle bollette di famiglie e aziende. Dalla nascita di Switcho, Marco partecipa a svariati eventi e rilascia interviste sui temi delle spese domestiche e del settore energetico, parlando delle ultime tendenze nei costi di gas ed elettricità e delle migliori opportunità per tutelarsi dai rincari. Leggi tutti i suoi articoli e seguilo su LinkedIn.
Aggiornato il 20 Ottobre 2023
Home » Luce e Gas » Mercato Energetico » Cos’è il mercato libero dell’energia e del gas? Tariffe, condizioni e passaggio

Ti potrebbe piacere anche

Articoli correlati

risparmia con switcho