Bollette alle stelle?

tariffe luce e gas

Con Switcho risparmi su luce e gas in pochi clic!

✔️ Offerte personalizzate
✔️ Senza burocrazia
💡 Gratuito e digitale

Come leggere le bollette del gas? Una guida semplice

risparmia sulle bollette con switcho

Le bollette del gas possono risultare complesse da comprendere data la vasta quantità di informazioni riguardanti i tuoi consumi, le voci di spesa e dettagli sulla tua fornitura. Non preoccuparti, con questo articolo ti spiegheremo tutto ciò che serve sapere per leggere la bolletta del gas. Buona lettura (letteralmente 🤓).

Ecco una breve panoramica sulle bollette del gas:

  • Indipendentemente dal tuo fornitore, la bolletta del gas presenta sempre le stesse voci stabilite dall’Autorità ARERA
  • La principale voce di costo è la spesa per la materia gas naturale, composta da una quota variabile in base ai tuoi consumi, e una voce di costo fissa per il fornitore
  • Puoi delegare la lettura della bolletta a Switcho 😎 dopo averla analizzata ti sapremo indicare quali offerte gas ti farebbero risparmiare. La parte migliore? Puoi attivare la tua preferita online, gratis e senza burocrazia.
risparmia sulle bollette con switcho

Indice:

Come leggere la bolletta gas: tutte le voci

Nel corso di questo paragrafo, esploreremo passo dopo passo le voci principali presenti nella tua bolletta del gas, e vedremo cosa queste informazioni significano in concreto.

Prenderemo come esempio la bolletta gas Enel, ma questa è una guida generale, quindi non seguiremo l’ordine delle pagine (dato che le voci possono apparire in ordine diverso in base al fornitore) ma divideremo le voci in base alla categoria.

Le categorie sono:

  • (A) Informazioni intestatario e fornitura
  • (B) Dati sulla bolletta del gas e spesa
  • (C) Dettagli sui consumi
  • (D) Contatti fornitore

(A) Informazioni intestatario e fornitura

Nella bolletta del gas sono contenute alcune informazioni sull’intestatario come nome (o ragione sociale per le imprese), Codice Fiscale (o Partita IVA), l’indirizzo di fatturazione (dove vengono spedite le bollette, che potrebbe non coincidere con l’indirizzo di fornitura), e il n° cliente.

Oltre a queste, puoi trovare tutte le informazioni sulla tua fornitura di gas metano. Alcune di queste sono abbastanza intuitive, come ad esempio:

  • La data di attivazione del contratto;
  • La denominazione del contratto (cioè il nome dell’offerta);
  • La tipologia cliente (domestico residente/non residente, business etc);
  • L’indirizzo di fornitura (il luogo fisico dove viene consegnato il gas);

Altre voci, invece, sono più ostiche e potrebbero non essere chiarissime ai meno esperti. Le abbiamo approfondite qui 👇

Bolletta luce Enel dati intestatario
Fonte: enel.it

1) Tipologia di contratto: Mercato Libero o Tutelato?
Il mercato energetico italiano opera su due piani: esiste il mercato libero (dove il prezzo del gas varia in base all’offerta e viene deciso dal fornitore) e il Servizio di maggior tutela (dove il prezzo dell’energia è uguale per tutti, e viene stabilito dall’Autorità ARERA). Attualmente, più del 60% degli utenti ha un contratto di fornitura nel mercato libero del gas, frutto di anni di progressivo abbandono del mercato tutelato.

⚠️ Ti ricordiamo che la fine del mercato tutelato del gas è prevista per i clienti domestici non vulnerabili il 1° gennaio 2024: ti consigliamo di confrontare le migliori offerte gas del mercato libero con Switcho e attivare la tua preferita, senza burocrazia!

2) Codice PDR (Punto di Riconsegna)
È un codice alfanumerico che identifica univocamente il punto in cui viene prelevato il gas, e va comunicato in caso di cambio di fornitore gas, voltura gas e subentro.

3) Parametro P 
Questa cifra indica il “potere calorifico superiore”, vale a dire quanta energia è contenuta in un mc (metro cubo) di gas metano. Più alto sarà questo parametro, maggiore sarà il prezzo del gas.

4) Coefficiente C 
È il coefficiente che serve a convertire i metri cubi (mc) rilevati dal contatore in Standard metri cubi (Smc), ovvero l’unità di misura utilizzata per la fatturazione dei tuoi consumi in bolletta. Questo coefficiente di conversione cambia in base alla città.

5) Classe misuratore (o contatore)
Esistono vari tipi di contatore gas con classi diverse in base alla potenza. Le classi più diffuse sono G4 e G6 per uso domestico, G10 per uso condominiale, G16-G6500 per uso industriale.

6) Codice REMI
Indica il PDC (Punto di Consegna), ovvero la cabina del gas a cui è collegata la tua utenza. Questo dato ti è utile in caso di malfunzionamenti o guasti alla fornitura.

7) Comp. Sost. Mat. Prima contratto
Questo pseudo-acronimo indica il prezzo della componente sostitutiva materia prima cioè, essenzialmente, il prezzo del gas che hai concordato sul tuo contratto di fornitura.

(B) Dati su bolletta gas e voci di spesa

Per quanto riguarda i dati di fatturazione, in bolletta puoi trovare:

  • N. fattura
  • Data della fattura
  • Data di scadenza
  • Periodo di riferimento
  • Importo da pagare
  • Modalità di pagamento (addebito diretto su c/c o bollettino; al giorno esatto o rateizzato)
  • Sintesi importi fatturati 👇
bolletta del gas voci di spesa
Fonte: enel.it

Gli importi fatturati in bolletta sono divisi in:


8) Spesa per la materia gas naturale
È la voce che compone la percentuale più grande del costo totale, e include il costo del gas consumato (quota variabile, in €/Smc) e l’acquisto e commercializzazione del gas da parte del tuo fornitore (quota fissa in €/anno).

9) Spesa per il trasporto e la gestione del contatore
Sono spese che riguardano le mansioni del distributore locale, quali trasporto, stoccaggio e distribuzione del gas naturale. Sono incluse le spese per la gestione del contatore. Anche questa voce si compone di costi fissi e variabili (che quindi dipendono dai tuoi consumi).

10) Spesa oneri di sistema
Spesa per attività di interesse generale per il sistema gas (riguardano tutti i clienti finali del servizio gas). Questa spesa viene decisa dall’Autorità (ARERA).

11) Imposte
In questa voce sono incluse: accise (imposta diretta sul consumo, uguale a prescindere dal fornitore scelto), addizionale regionale (determinata da ciascuna regione nei limiti imposti da ARERA, dipende anche questa dai consumi) e IVA (10% per gli usi domestici o 22% per altri usi sul totale delle altre voci in bolletta).

12) Altre partite
Questa è una voce addizionale presente solo in caso di addebiti dovuti (ad esempio per ricalcoli, mora etc).

💡 Bonus Sociale
Questa è una voce di sconto in bolletta, presente solo per coloro che risultano idonei e che hanno aderito al bonus.

La suddivisione percentuale delle voci di spesa nella bolletta gas ha un aspetto del genere 👇

(C) Dettagli sui consumi

L’ultimo gruppo di informazioni che trovi in bolletta riguarda i tuoi consumi di gas. Qui troverai indicato in dettaglio il periodo preso in considerazione per la rilevazione dei tuoi consumi (a cui si riferisce la fatturazione).

Fonte: enel.it

13) Consumo rilevato o stimato
Il primo dato rappresenta la lettura dei tuoi consumi in mc (metri quadri). La lettura può essere rilevata (che significa che il dato indica i tuoi consumi reali in seguito alla telelettura automatica, o in seguito ad una tua autolettura), oppure stimata (in mancanza di telelettura o autolettura, il fornitore stimerà i tuoi consumi sulla base delle tue abitudini).

14) Consumo fatturato Smc
Questo dato rappresenta il dato dei tuoi consumi convertito in Standard metri quadri (Smc) utilizzando il coefficiente di conversione C, come visto nella sezione (A) della guida. Questo passaggio è necessario perché “Smc” è l’unità di misura utilizzata per la fatturazione ma, di norma, il dato dovrebbe rimanere uguale o comunque molto simile tra mc e Smc.

15) Consumi residui
Qui sono riportati i decimali della lettura che non vengono inclusi nel totale dei consumi fatturati, ma che possono sommarsi ai residui delle bollette precedenti.

16) Dettaglio letture
In questa tabella vengono riportate tutte le letture del gas metano che sono state effettuate nel periodo di fatturazione. Ricorda che se la telelettura non è attiva nel tuo contatore, è sempre buona pratica eseguire l’autolettura del contatore gas in prima persona e comunicare il dato al tuo fornitore. Per approfondire leggi il paragrafo dedicato.

(D) Contatti fornitore

Infine, in bolletta puoi trovare informazioni circa tutti i punti di contatto con il tuo fornitore gas in base all’esigenza:

  • Come comunicare l’autolettura;
  • Come contattare il distributore (in questo caso e-distribuzione) in caso di guasti;
  • Dove trovare informazioni in caso di dubbi;
  • Tutti i contatti utili del fornitore 👇
bolletta del gas: come contattare i fornitori
Fonte: enel.it
risparmia sulle bollette con switcho

Costo medio unitario della bolletta gas: cos’è?

Il costo medio unitario della bolletta del gas si riferisce al costo medio per unità di consumo di gas naturale presente sulla bolletta.

Questo valore indica quanto si paga in media per ogni unità di misura del gas consumato, espressa in mc (metri cubi).

Questo dato è estremamente utile per capire quanto ti costa il gas in totale, cioè includendo tutte le voci di spesa (spesa per la materia, per il trasporto, oneri di sistema etc), così da prendere più consapevolezza su quanto spendi, e capire se ti conviene cambiare fornitore gas.

❓ Come calcolarlo? Il calcolo per ottenere il costo medio unitario della tua bolletta del gas è molto semplice: ti basta dividere l’importo totale della bolletta per il numero di Smc 👇

Costo Medio Unitario = XXX,XX € / n. Smc

Dove posso ricevere le bollette gas?

Se non vuoi più ricevere le bollette in formato cartaceo, puoi contattare il tuo fornitore e attivare il servizio di bolletta online (o web bolletta). 

Attivando il servizio di bolletta online potrai accedere alla tua fattura tramite mail, app o sito del fornitore, visualizzandola in formato PDF.

I vantaggi della bolletta web sono:

  • Ricevi la bolletta più velocemente;
  • È ecologica e più sicura;
  • Spesso è associata a offerte luce e gas web, che costano meno sia a te che al fornitore (data la diminuzione delle spese di gestione), e inoltre non prevedono un deposito cauzionale.

Il deposito cauzionale in bolletta

Al momento della conclusione del contratto, il fornitore può richiedere un deposito cauzionale al cliente (o una garanzia equivalente) se viene espresso nel contratto stesso. Per tutti i clienti del mercato libero l’importo del deposito cauzionale (quando viene richiesto) va obbligatoriamente indicato nel contratto di fornitura.

💡 Ti ricordiamo che attivando il pagamento con domiciliazione bancaria, postale o su carta di credito, il deposito cauzionale non è dovuto.

Come pagare la bolletta del gas

Esistono molti modi in cui puoi pagare le tue bollette del gas: dal classico bollettino, ai più recenti metodi di pagamento da casa tramite home banking, app o sito del fornitore, oppure tramite addebito automatico su c/c (SDD).

Va specificato che le modalità di pagamento delle bollette possono variare in base al fornitore di gas.

In fattura vengono sempre indicate, oltre allo stato dei pagamenti, anche le modalità che il cliente ha a disposizione per pagare la bolletta. Ad esempio nel caso della bolletta Enel:

paragrafo per il pagamento della bolletta

Qui di seguito trovi una lista generale delle tante modalità di pagamento:


Bollettino (in uno sportello autorizzato)
È il metodo classico di pagamento della bolletta. Devi recarti agli sportelli autorizzati dal fornitore e saldare il conto dell’utenza ogni mese. Puoi pagare con carta di credito, carta di debito, prepagate e contanti.

SDD (addebito automatico su IBAN)
Il pagamento viene addebitato automaticamente sul conto corrente indicato in fase di sottoscrizione. Non dovrai occuparti di nulla.

Home Banking (online)
Per effettuare il pagamento dovrai entrare nell’app della tua banca nella sezione bollettini, indicare i dati richiesti e autorizzare il pagamento. Puoi pagare con carta di credito, carta di debito, prepagate, PayPal.

App o sito del fornitore (online)
Per effettuare il pagamento bisognerà accedere all’area personale dell’app del fornitore e procedere con il pagamento. Puoi pagare con carta di credito, carta di debito, prepagate, PayPal.

Sito specializzato (online)
Esistono siti specializzati che danno la possibilità di pagare il bollettino direttamente online. Il più utilizzato è sicuramente il sito di Poste Italiane. Puoi pagare con carta di credito, carta di debito, prepagate, PayPal.

✅ lettura consigliata: come pagare la bolletta facilmente

Nuova pratica switcho
Nuova pratica switcho

Un’altra informazione importante nell’ambito del metodo di pagamento scelto per la bolletta è la cadenza del pagamento: vale a dire se scegli di pagare al giorno esatto, o se invece hai scelto di pagare a rate 👇

La rateizzazione delle bollette

La rateizzazione delle bollette ti permette di pagare l’importo dovuto nei mesi successivi, e non più nell’immediato. Nel caso di un’offerta nel mercato tutelato, L’ARERA (L’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) ha stabilito quanto segue:

“La rateizzazione deve essere richiesta al venditore entro i 10 giorni successivi alla scadenza di pagamento della bolletta. Se si presenta la richiesta in ritardo è facoltà del venditore concedere la rateizzazione, ma non è un diritto del cliente ottenerla. La rateizzazione non è obbligatoria per importi inferiori a 50 €”

Se invece la tua offerta è nel mercato libero, la possibilità o meno di richiedere il pagamento a rate, così come le modalità di rateizzazione, dipendono dal contratto sottoscritto. Le modalità per richiedere la rateizzazione sono spesso incluse in bolletta (quando è possibile richiederla).

Cosa succede in caso di ritardo nel pagamento?

Se non paghi in tempo la tua bolletta del gas non succede nulla nell’immediato, avrai circa una settimana di tempo per far tornare i tuoi pagamenti ad uno stato di regolarità. 

Passata una settimana, di norma, il fornitore ti invierà una diffida ad adempiere: qui ti verranno indicati gli interessi da pagare (la mora) e i tempi entro i quali pagare.

Se non rispetterai nemmeno i tempi della diffida, a questo punto il fornitore avrà la facoltà di procedere con la sospensione della fornitura di gas.

💡 Se non vuoi rischiare di dimenticarti di pagare la bolletta, puoi attivare il pagamento tramite addebito automatico su c/c: in questo modo non ti dovrai più preoccupare di non stare nei tempi. Potrai sempre controllare le bollette per accertarti che sia tutto corretto, ed eventualmente contestare la bolletta.

Autolettura gas in bolletta

La lettura dei consumi è la cifra che indica i metri cubi (Smc) che hai consumato in un determinato periodo di tempo, che puoi trovare sul contatore della luce. Esistono 3 tipologie di lettura:

  • La lettura effettiva (o rilevata) indica il dato sui tuoi consumi reali (o effettivi), e viene effettuata dal distributore almeno una volta ogni anno (di persona o da remoto con la telelettura);
  • L’autolettura indica il dato sui tuoi consumi reali (o effettivi) e viene effettuata da te in prima persona, per poi essere comunicata al tuo fornitore;
  • La lettura stimata indica una stima dei tuoi consumi effettuata dal fornitore sulla base delle tue abitudini nei casi in cui non avesse ricevuto il dato sui tuoi consumi reali da parte del distributore, o da parte tua con l’autolettura.
Fonte: enel.it

Se in bolletta i consumi risultano stimati, significa che il tuo contatore gas non consente la telelettura automatica dei consumi. In questo caso ti consigliamo di effettuare l’autolettura del gas, così i tuoi consumi fatturati in bolletta saranno quelli reali e eviterai la bolletta di conguaglio 😉

Per scoprire quali sono le modalità e il periodo utile per comunicare l’autolettura perché questa sia ritenuta valida, puoi guardare la sezione dedicata in bolletta.

⚠️ L’autolettura non è sempre necessaria: a differenza dei contatori gas, la maggior parte dei contatori elettronici della luce riescono a comunicare automaticamente la lettura dei tuoi consumi reali al fornitore, grazie alla telelettura. Per accertarti che questo sia il tuo caso, ti basta guardare se i consumi riportati in bolletta sono già riportati come “effettivi” o “rilevati”.

Come leggere bolletta gas Enel, Eni, A2A e altri

Come avrai notato, nella nostra guida abbiamo utilizzato un facsimile di una bolletta Enel. Va sottolineato che, anche se i contenuti sono gli stessi per ogni fornitore (come previsto da ARERA), può capitare che l’ordine in cui vengono presentati i dati cambi.

Per assicurarti di leggere correttamente la bolletta della luce e del gas del tuo fornitore, puoi dare un’occhiata alla guida dettagliata dedicata al tuo fornitore 👇

Bolletta gas: prima VS seconda casa

A differenza della bolletta della luce, nel caso del gas non ci sono distinzioni tariffarie in bolletta tra prima e seconda casa.

Ciò detto, specifichiamo che a parità di consumi è probabile che le bollette del gas per la prima casa e la seconda casa siano diverse poiché si trovano in due zone geografiche differenti.

Infatti, la posizione geografica in cui viene richiesta la fornitura di gas influisce sulla voce di “Spesa per il trasporto e la gestione del contatore”, che varia in base all’ubicazione del cliente. 

Per assicurarti di risparmiare sulle tue bollette gas nella seconda casa, richiedi l’analisi della bolletta a Switcho: ti indicheremo quali sono le offerte più convenienti per te, e tu potrai scegliere quale attivare 😎 tutto 100% gratuito e digitale, 0% burocrazia.

Andamento bollette gas 2022-2023

A seguito della crisi energetica del 2022 causata dal conflitto russo-ucraino, il prezzo del gas ha subito importanti rincari mai visti prima. Per capire l’entità inedita dell’aumento, basta osservare l’andamento del PSV, ovvero l’indice che definisce il costo del gas all’ingrosso, che nel 2022 è schizzato.

Nel 2023 il mercato non può ancora essere reputato stabile, ma sta migliorando, e il PSV si sta avvicinando pian piano ai valori pre-crisi energetica. Per comprendere meglio, puoi dare un’occhiata a questo grafico che mostra l’andamento del PSV dal 2018 a oggi 👇

✅ lettura consigliata: i trend del settore energetico

Per dare un’evidenza sull’andamento della scelta tra mercato libero e tutelato, il numero di persone che attivano un’offerta gas nel mercato libero sta aumentando costantemente: come puoi vedere dal grafico qui sotto, già nel 2018 la percentuale di utenti gas nel mercato libero del gas aveva superato il 50%:

Inoltre, a gennaio 2024 è prevista la fine del mercato tutelato del gas: ci sarà infatti la liberalizzazione del mercato energetico per gli utenti domestici. Per questo motivo, attivare un’offerta nel mercato libero prima possibile è la cosa più saggia da fare. Niente paura! Passare al mercato libero del gas è una procedura:

  • 100% gratuita;
  • Che non implica lavori sul contatore;
  • Che non comporta la sospensione delle forniture.

✅ Con Switcho puoi confrontare gratuitamente le migliori offerte nel mercato libero e attivi la tua preferita completamente online. La parte migliore? Ci occupiamo noi della burocrazia per te 😎

Come risparmiare sul gas?

Si può risparmiare sul gas metano con dei piccoli accorgimenti? Sì, è possibile tagliare alcuni costi facendo scelte più consapevoli e facendo più attenzione. Ecco alcuni consigli:

  • Non superare la temperatura di 19°C.
  • Fai attenzione alla manutenzione dell’impianto di riscaldamento, anche sfiatando periodicamente i termosifoni, per garantire efficienza.
  • Verifica se puoi migliorare l’isolamento termico di casa tua con infissi moderni ed eventualmente un cappotto termico.
  • Considera l’installazione di un impianto solare per il riscaldamento dell’acqua.
  • Attiva offerte gas web (sono tendenzialmente più vantaggiose).
  • Scegli il pagamento SDD (eviterai il costo del bollettino, e non rischi di incorrere in more).

✅ lettura consigliata: come risparmiare sul gas

Un ultimo consiglio spassionato: il modo migliore di risparmiare sul gas è confrontare le offerte disponibili sul mercato, e puoi farlo facilmente con Switcho. Il nostro servizio è gratuito e personalizzato, perché troviamo le tariffe più vantaggiose per te e gestiamo tutta la burocrazia del cambio fornitore al posto tuo! Ecco alcune delle migliori offerte luce e gas al momento:

OffertaTariffaDettagli
A2A Smart Casa
A2A
Prezzo luce
0,032 €/kWh + PUN
Costo fisso annuo 114€

Prezzo gas
0,15 €/Smc + PSV
Costo fisso annuo 114€
✅ Prezzo indicizzato
✅ Zero burocrazia con Switcho
Eni Plenitude Trend Casa
Eni Plenitude
Prezzo luce
0,0264 €/kWh + PUN
Costo fisso annuo 144€

Prezzo gas
0,1 €/Smc + PSV
Costo fisso annuo 144€
✅ Prezzo indicizzato
✅ Zero burocrazia con Switcho
Hera PiùControllo ACTIVE Casa
Prezzo luce
0 €/kWh + PUN
Costo fisso annuo 168€

Prezzo gas
0,1 €/Smc + PSV
Costo fisso annuo 138€
✅ Prezzo indicizzato
✅ Zero burocrazia con Switcho

Domande frequenti sulle bollette gas

Cosa fare se la bolletta del gas è troppo alta?

Se hai ricevuto una bolletta troppo alta, e reputi che il fornitore ti abbia fatturato un importo maggiore del dovuto, puoi chiamare il tuo fornitore per chiedere spiegazioni e, eventualmente,  contestare la bolletta inviando una lettera di reclamo.

Quando si abbasseranno le bollette gas?

Nel 2023 le bollette del gas stanno registrando netti cali rispetto al 2022. La situazione sta migliorando e sta tornando ai valori pre-crisi energetica. Tuttavia, le previsioni sono incerte: il mercato è ancora molto volatile e quindi non è detto che il prezzo continui a scendere.

Quando calerà il costo del gas?

È ancora troppo presto per sapere quando calerà il costo del gas: il mercato è troppo volatile per fare previsioni accurate. Quello che possiamo notare, però, è che il prezzo del gas è in netto miglioramento rispetto al 2022. Il PSV, dopo aver avuto un’impennata inedita nel 2022, si sta pian piano avvicinando ai valori pre-crisi energetica. Se il trend dovesse rimanere invariato, il costo del gas potrebbe tornare a valori buoni nel giro di alcuni mesi.

Marco Tricarico

Marco Tricarico

CEO e co-fondatore di Switcho, appassionato di startup e mondo digitale ed esperto di finanza aziendale e consulenza strategica, nel 2019 Marco ha deciso di lanciare un servizio innovativo che offrisse una soluzione di risparmio pratica e realmente imparziale sulle bollette di famiglie e aziende. Dalla nascita di Switcho, Marco partecipa a svariati eventi e rilascia interviste sui temi delle spese domestiche e del settore energetico, parlando delle ultime tendenze nei costi di gas ed elettricità e delle migliori opportunità per tutelarsi dai rincari. Leggi tutti i suoi articoli e seguilo su LinkedIn.


23 Giugno 2023


Home » Blog » Luce e Gas » Guide Luce Gas » Come leggere le bollette del gas? Una guida semplice

Ti potrebbe piacere anche

risparmia con switcho