Bollette alle stelle?

tariffe luce e gas

Con Switcho risparmi su luce e gas in pochi clic!

✔️ Offerte personalizzate
✔️ Senza burocrazia
💡 Gratuito e digitale

Quando cadono in prescrizione le bollette?

risparmia sulle bollette con switcho

Per tutelarsi da ogni eventuale problema con il proprio fornitore, è importante conoscere  il termine di prescrizione delle bollette. In breve:

  • Il termine di prescrizione per le bollette luce e gas è di 2 anni, ad eccezione di quelle con il Canone RAI.
  • La prescrizione può essere interrotta da un sollecito formale del fornitore
  • Oltre i termini di prescrizione, puoi contestare un eventuale sollecito facendo una richiesta formale di cancellazione.

Ma prima, un consiglio: se vuoi risparmiare sulle tue utenze sei nel posto giusto! Noi di Switcho analizziamo la tua bolletta e ti comunichiamo solo le offerte luce e gas più adatte ai tuoi consumi. In più, lo facciamo gratis e tutto digitalmente 😎

risparmia sulle bollette con switcho

Indice

Che cos’è la prescrizione delle bollette?

Il concetto di prescrizione ha a che fare con la perdita di un diritto: in questo caso si riferisce al diritto di richiedere il pagamento di una data fattura. 

A tal proposito, l’Articolo 2934 del Codice Civile dichiara:

Quando il titolare non esercita per il tempo determinato dalla legge un diritto, questo si estingue per prescrizione.

Dunque, quando si parla di termine di prescrizione per le bollette, ci si riferisce proprio al termine del periodo in cui il fornitore è legittimato a richiederne il pagamento.

Quando vanno in prescrizione le bollette non pagate?

Ma qual è il termine, per i fornitori, per richiedere il pagamento di una fattura?

Le Leggi di Bilancio del 2018 (legge n. 205/2017) e del 2020 (legge n. 160/2019) hanno stabilito il termine di prescrizione a 2 anni dall’emissione delle bollette di luce, gas e acqua.

Questo nuovo termine a 2 anni vale per:

  • Le bollette della luce emesse dopo il 1° marzo 2018.
  • Le bollette del gas emesse dopo il 1° gennaio 2019.
  • Le bollette dell’acqua emesse dopo il 1° gennaio 2020.

Tutte le fatture emesse prima di queste date hanno un termine di prescrizione a 5 anni dall’emissione (che per quanto riguarda luce e gas è già scaduto 😉).

Tuttavia, la prescrizione delle bollette luce presenta l’eccezione del Canone RAI.

La Legge n. 160/2019 ha stabilito che il termine di prescrizione delle bollette della luce contenenti il Canone RAI avviene a 10 anni dall’emissione.

Vediamo sinteticamente dopo quanto tempo dall’emissione delle bollette luce, gas, acqua e internet inizia la prescrizione:

TIPO DI BOLLETTAPERIODO DI EMISSIONETERMINE DI PRESCRIZIONE
Bolletta della luce 💡 Prima del 1° marzo 20185 anni
Bolletta della luce 💡 Dopo il 1° marzo 20182 anni
Bolletta con Canone RAI 📺10 anni
Bolletta del gas 🔥Prima del 1° gennaio 20195 anni
Bolletta del gas 🔥Dopo il 1° gennaio 20192 anni
Bolletta dell’acqua 💧Prima del 1° gennaio 20205 anni
Bolletta dell’acqua 💧Dopo il 1° gennaio 20202 anni
Bolletta internet e telefonia fissa 🛜2 anni

❗ Queste tempistiche valgono per i clienti domestici e le microimprese (con meno di 10 dipendenti). Per i clienti non domestici il termine di prescrizione rimane di 5 anni dall’emissione della bolletta.

Prescrizione delle bollette in arretrato: come funziona

Cosa succede se effettivamente il fornitore richiede la somma di una fattura arretrata? Anche in questo caso vale il termine di prescrizione, ma a una condizione.

Per rientrare nel termine di prescrizione delle bollette in arretrato è necessario non aver ricevuto nessun sollecito formale da parte del fornitore.

Per richiedere l’interruzione della prescrizione, infatti, il fornitore deve inviare un sollecito esclusivamente attraverso raccomandata o PEC. In questo caso, la prescrizione è sospesa e il conteggio per un nuovo termine riparte da questa data. 

Cosa si può fare se la società fornitrice invia un sollecito durante la prescrizione?

  • Se si tratta di un sollecito tramite raccomandata o PEC, puoi presentare un reclamo o una richiesta formale di cancellazione.
  • Se si riceve un decreto ingiuntivo, ovvero un documento del giudice che autorizza il fornitore a recuperare la somma, è necessario invece contestare la notifica entro 40 giorni. Inoltre, in questo caso puoi presentare il ricorso anche attraverso lo Sportello per il Consumatore di Energia.

Prescrizione vs decadenza di una bolletta: quali differenze?

Con la prescrizione delle fatture spesso si parla anche della loro decadenza. Entrambi i termini si riferiscono alla perdita della possibilità di esercitare un diritto, ma presentano delle differenze:

  • La prescrizione indica la perdita del diritto a chiedere il pagamento della fattura. Tuttavia, abbiamo visto che è uno stato reversibile attraverso un sollecito formale e/o un decreto ingiuntivo.
  • Con la decadenza di una bolletta, invece, il diritto a richiedere il pagamento è revocato in modo irreversibile: in questo caso, per il fornitore è impossibile richiedere l’interruzione della prescrizione.

Come contestare la bolletta

Ti arriva un sollecito di pagamento ma la tua fattura è stata già pagata: cosa fare? L’iter da seguire dipende, naturalmente, dal periodo in cui è inviata la richiesta:

  • Se avviene entro i 2 anni dall’emissione, ovvero prima della prescrizione, la richiesta del fornitore è legittima. Per cui, ciò che puoi fare è richiedere la rateizzazione della bolletta
  • Se avviene dopo il termine di prescrizione, questa richiesta è illegittima per cui puoi procedere con una contestazione.

Se vuoi contestare il sollecito di pagamento di una bolletta luce o gas, ricordati di inviare una comunicazione scritta tramite raccomandata o PEC riportando questi dati:

  • Nome e cognome dell’intestatario della fornitura.
  • La copia di un documento di identità dell’intestatario.
  • Codice POD per la luce o Codice PDR per il gas.
  • Il sollecito ricevuto oltre i termini.
  • L’eventuale ricevuta di pagamento.

Per quanto tempo conservare le bollette?

Per assicurarti di avere una protezione da ogni eventuale sollecito da parte del tuo fornitore, è sempre una buona pratica conservare le bolletta.

Il cliente è tenuto a conservare la bolletta luce e gas almeno entro il termine di prescrizione.

Ricordiamo velocemente i periodi indicati per la conservazione:

  • 💡 Bollette luce: 2 anni dall’emissione.
  • 📺 Bollette luce con Canone RAI: 10 anni dall’emissione.
  • 🔥 Bollette gas: 2 anni dall’emissione.

Bolletta di conguaglio: quando puoi non pagarla?

Oltre alle bollette di regolare emissione, può capitare di avere problemi anche con la bolletta di conguaglio.

La bolletta di conguaglio è fatturata sulla differenza tra i consumi effettivi e i consumi stimati e fatturati nelle bollette precedenti. Può capitare infatti di non avere una fatturazione basata sui consumi effettivi (misurati tramite autolettura), ma di ricevere bollette calcolate sui consumi stimati dal fornitore. 

Il fornitore può inviare un’ulteriore fattura riguardo questa differenza (appunto, la bolletta di conguaglio), tuttavia per legge è tenuto a non fatturare consumi avvenuti più di 2 anni prima.

Questa norma è stata introdotta per tutelare meglio il consumatore nei casi in cui si ricevono fatture dopo molti anni dai consumi effettivi, rendendo così complicata la verifica della correttezza dei dati. Naturalmente, in questo caso il cliente non è tenuto a pagare l’importo.

Vorresti capire se la tua bolletta è conveniente? Puoi caricarla su Switcho, il servizio gratuito digitale che analizza la tua offerta e ti comunica se è più adatta a te o se esistono offerte luce e gas migliori per i tuoi consumi. E in più, se decidi di cambiare, ci occupiamo anche della burocrazia 😉

risparmia sulle bollette con switcho

Fonti

La prescrizione delle bollette di luce, acqua, gas e telefono | Tuttocamere
https://www.tuttocamere.it/files/tabelle1/Prescrizione_Bollette.pdf
Redi Vyshka

Redi Vyshka

COO e co-fondatore di Switcho, esperto nei campi della consulenza manageriale e della finanza aziendale, Redi ha contribuito nel 2019 alla progettazione e al lancio del primo servizio in Italia che, con pochi clic, consente di analizzare le proprie spese di casa e di trovare le opportunità personalizzate di risparmio, dimenticandosi la burocrazia. Dalla nascita di Switcho, Redi prende parte a numerosi eventi su startup e settore energetico, grazie alla sua competenza pluriennale nel mercato delle forniture di gas e luce e nelle soluzioni per ridurre i costi in bolletta. Leggi tutti i suoi articoli e seguilo su LinkedIn.
Aggiornato il 9 Febbraio 2024
Home » Luce e Gas » Leggere la Bolletta » Quando cadono in prescrizione le bollette?

Ti potrebbe piacere anche

Articoli correlati

risparmia con switcho