A2A: allaccio e attivazione richiesti con facilità

allaccio attivazione luce gas

4 Ott 2021

Team Switcho

Se stai leggendo questo articolo, probabilmente ti stai per trasferire e hai bisogno di fare allaccio e attivazione con A2A. A questo punto non ci resta che approfondire come richiedere allaccio e attivazione con questo fornitore.

Indice:

Devi richiedere l’allaccio o l’attivazione con A2A?

La prima cosa che devi fare è capire se hai bisogno di richiedere ad A2A sia allaccio che attivazione, o se è sufficiente richiedere solamente l’attivazione.

Dovrai richiedere l’allaccio se la tua nuova casa non è allacciata alla rete elettrica o a quella del gas, oppure se non c’è il contatore. La maggior parte delle case sono già collegate alle reti energetiche e sono già dotate di contatore. È, quindi, molto più probabile che tu debba richiedere solo l’attivazione del contatore.

Sia che si tratti di un allaccio che di un’attivazione, dovrai contattare il distributore della tua zona. A2A, a differenza di altri fornitori, non si pone come intermediario tra te e il distributore.  Puoi scoprire che è il distributore della tua zona a questo link e verificare le tariffe sul suo sito internet.

Se invece la l’edificio è già dotato di allacciamento, il tuo contatore potrebbe essere o non essere installato.

Se il contatore non è installato, puoi recarti ad uno sportello A2A oppure completare questo modulo ed consegnarlo ad A2A tramite:

Successivamente dovrai contattare il servizio clienti al numero verde 800 199 955 da fisso o 02 82 841 510 da cellulare (disponibili dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 17).

Se invece il contatore è installato, puoi richiedere la prima attivazione e sottoscrivere un’offerta online.

Come richiedere l’allaccio: documenti necessari

Sia per allaccio e attivazione della luce, che per quelli del gas, avrai bisogno dei seguenti documenti:

  • Indirizzo dell’abitazione o del locale in cui vuoi attivare la fornitura;
  • Dati anagrafici del futuro intestatario;
  • Documento d’identità;
  • Contratto d’affitto o di compravendita.

Inoltre, per l’allaccio dell’energia elettrica, dovrai comunicare:

  • la potenza di erogazione (di solito per le abitazioni è una bassa tensione di 3kW);
  • Il numero della concessione edilizia (un permesso rilasciato dal comune che consente i lavori edili).

Per l’allaccio del gas, invece, dovrai comunicare:

  • La categoria d’uso del gas (ad esempio, per la cottura dei cibi, per il riscaldamento, per l’acqua calda);
  • I dati catastali dell’immobile.

Tempistiche per l’allaccio e l’attivazione di una fornitura energia elettrica

Dopo aver ricevuto la tua richiesta, Iren la inoltrerà al distributore della tua zona entro 2 giorni lavorativi. Quest’ultimo ti contatterà per fissare un appuntamento per il sopralluogo e valutare, così, le azioni necessarie per portare l’energia elettrica nella tua nuova casa.

A questo punto, riceverai un preventivo che potrai accettare o meno. Successivamente, se accetti il preventivo, il distributore completerà l’allaccio entro:

  • 10 giorni lavorativi per forniture in bassa tensione;
  • 20 giorni lavorativi per forniture in media tensione;
  • 50 giorni lavorativi per i lavori più complessi.

Costi di allaccio e di attivazione di una fornitura luce

I costi di un allaccio variano notevolmente rispetto a quelli della sola attivazione luce.

I primi dipendono dall’entità dei lavori e dalla società di distribuzione che li esegue. Sfortunatamente, non possiamo darti indicazioni precise, che ti verranno comunicate nel preventivo, a seguito del sopralluogo.

Possiamo anticiparti che il costo si compone di:

  • Quota distanza, che considera la distanza in linea retta tra la fornitura da allacciare e la cabina di trasformazione più vicina, attiva da almeno 5 anni;
  • Quota potenza, che considera la potenza disponibile;
  • Contributo fisso, che copre i costi amministrativi sostenuti dal distributore.

I costi di sola attivazione, invece, sono composti da:

  • Contributo per oneri amministrativi pari a €25,81;
  • Contributo per la prestazione commerciale.

Tempistiche per allaccio e attivazione di una fornitura gas

Anche le tempistiche per l’allaccio del gas sono abbastanza lunghe.

Devi sapere inoltre che se hai deciso di rivolgerti direttamente ad A2A, questo è tenuto ad inoltrare la tua richiesta al distributore di zona entro 2 giorni lavorativi.

Per l’allaccio del gas invece, inoltre, è tenuto ad inviarti il preventivo entro:

  • 15 giorni per lavori semplici;
  • 30 giorni per lavori complessi.

Successivamente, dal momento in cui accetti il preventivo, il distributore completerà l’allaccio entro:

  • 10 giorni per lavori semplici;
  • 60 giorni per lavori complessi.

Per la posa del contatore, i tempi dipendono da quando invierai al distributore i documenti per l’accertamento di sicurezza dell’impianto. Hai a disposizione 120 giorni solari per inviarli. Passato questo periodo, la richiesta verrà annullata.

A questo punto, se la documentazione verrà validata dal distributore, questo provvederà alla posa del contatore e all’attivazione della fornitura entro 10 giorni lavorativi.

Costi di allaccio e di attivazione di una fornitura gas

Anche in questo caso, purtroppo, non possiamo stimare l’ammontare di un allaccio per una fornitura gas. I costi, infatti, dipendono dalla concessione con cui il Comune affida il servizio di distribuzione del gas. Puoi scoprire che è il distributore della tua zona a questo link e verificare le tariffe sul suo sito internet.

In caso di attivazione della fornitura, dovrai sostenere i seguenti costi:

  • Costi dell’accertamento della documentazione sulla sicurezza dell’impianto. Possono variare da €47 a €70, IVA esclusa;
  • Contributo di attivazione del distributore, che può variare tra €30 e €40;
  • Costi amministrativi di A2A, pari a €23+IVA.

Ti potrebbe piacere anche

Switcho