Fine del mercato tutelato?

fine mercato tutelato

Trova subito la tua tariffa nel mercato libero senza stress!

✔️ Offerte personalizzate
✔️ Senza burocrazia
💡 Gratuito e digitale

Prezzo energia elettrica al kWh nel mercato tutelato e nel libero

fine mercato tutelato

Il prezzo dell’energia elettrica nel mercato tutelato cambia ogni 3 mesi e viene deciso dall’Autorità (ARERA), mentre nel mercato libero è il fornitore a decidere liberamente il costo al kWh della luce. In ogni caso, conoscere questo dato ti permette di confrontarlo con altre offerte per capire se puoi risparmiare.

In breve:

  • Il prezzo al kWh nel mercato tutelato dipende da ARERA, mentre in quello libero dal fornitore.
  • Il servizio di maggior tutela dell’energia elettrica chiuderà a luglio 2024 per la maggior parte degli utenti domestici.
  • 💡 Se vuoi passare al mercato libero prima della scadenza puoi provare Switcho: troviamo per te le migliori offerte per l’energia elettrica e gestiamo tutta la burocrazia del cambio, gratuitamente!
fine mercato tutelato

Indice

Qual è il prezzo dell’energia elettrica nel mercato tutelato oggi?

Attualmente la tariffa luce nel mercato tutelato è la seguente:

💡 Costo energia ARERA per il mercato tutelato

La tariffa per la luce nel 2° trimestre del 2024 (aprile-giugno) è 0,2024 €/kWh tasse incluse.

Aggiornamento giugno 2024

Questa cifra esprime il prezzo al kWh applicato dal Servizio Elettrico Nazionale e dagli altri fornitori di energia elettrica della maggior tutela, comprensivo anche delle imposte e degli oneri definiti dall’Autorità. 

💡 LO SAPEVI? Il kilowattora (kWh) è l’unità di misura dell’energia elettrica ed esprime l’energia assorbita in un’ora da un elettrodomestico con potenza di 1 kW.

Il prezzo dell’elettricità per il mercato tutelato, infatti, viene stabilito dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA) con cadenza trimestrale: gli aggiornamenti vengono pubblicati a gennaio, aprile, luglio e ottobre. Questo meccanismo permette di avere delle tariffe per l’energia elettrica sempre allineate all’andamento del mercato all’ingrosso.

Negli ultimi mesi, questo è stato il costo al kWh per la luce nel mercato tutelato 👇

Il grafico indica la spesa al kWh totale ma anche la suddivisione nelle 4 voci di spesa che compongono la bolletta dell’energia elettrica:

  1. Costo per la materia energia
  2. Costo per il trasporto e il contatore
  3. Oneri di sistema
  4. Imposte

Per avere un’idea del loro rispettivo peso in bolletta puoi dare un’occhiata qui: 

⚠️ Nelle tariffe luce del mercato libero, invece, il costo della luce al kWh è stabilito dai singoli fornitori e può variare anche di molto. Ecco perché è sempre consigliabile confrontare la propria offerta con le altre presenti sul mercato per scoprire se ci sono opportunità di risparmio. 

Il prezzo della luce nel mercato tutelato nelle fasce orarie F0-F1-F23

Il costo al kWh dell’energia può variare in base alle fasce orarie. Anche questi prezzi sono comunicati da ARERA trimestralmente; ecco i dati relativi all’ultimo periodo (riferiti solo alla materia prima energia, tasse escluse).

Periodo F0 (€/kWh) F1 (€/kWh) F23 (€/kWh)
II trim 2024 0,07043 0,07138 0,06999
I trim 2024 0,12209 0,12762 0,11919
IV trim 2023 0,15791 0,16172 0,15611
III trim 2023 0,11835 0,12041 0,11731
II trim 2023 0,11609 0,12402 0,11245
I trim 2023 0,41581 0,42841 0,40910
IV trim 2022 0,53451 0,55436 0,52484
III trim 2022 0,31170 0,32916 0,30266

Nel mercato tutelato è possibile scegliere tra due tariffe: monoraria e bioraria. La differenza sostanziale sta nella presenza o meno di diverse fasce orarie per l’energia.

  • Tariffa monoraria: con questa tariffa l’energia elettrica ha lo stesso costo tutti i giorni e a tutti gli orari. Per questo la fascia oraria è una sola ed è chiamata F0.
  • Tariffa bioraria o multioraria: con questa tariffa i giorni della settimana e le ore del giorno sono divise in fasce orarie (F1, F2, F3) nelle quali il costo dell’energia è diverso – più economica la sera e nei weekend, più cara negli orari lavorativi dei giorni feriali.

Nella maggior tutela le fasce F2 ed F3 sono unite in un’unica fascia chiamata “F23”.

F1F23
Dalle 8 alle 19 nei giorni dal lunedì al venerdì, escluse le festività nazionali.Dalle 19 alle 8 nei giorni dal lunedì al venerdì e tutte le ore dei giorni di sabato, domenica e festività nazionali.
Nuova pratica switcho
Nuova pratica switcho

Prezzo dell’energia elettrica nel mercato libero

Come viene calcolato il prezzo della luce nel mercato libero? La situazione qui è un po’ più complessa – ed è una delle tante differenze tra il mercato tutelato e quello libero. Dobbiamo infatti considerare due diverse tipologie di offerte, a prezzo fisso o indicizzato:

A PREZZO VARIABILE (O INDICIZZATO)

  • Il costo della materia prima energia cambia di mese in mese seguendo l’andamento del mercato all’ingrosso (indice PUN).
  • Il costo al kWh dell’energia è composto da: PUN + spread (il corrispettivo per il fornitore che si calcola in base ai kWh consumati). Inoltre le offerte presentano anche un costo fisso annuo che si paga diviso in ciascuna bolletta.
  • ✅ Il vantaggio è che, in caso di cali del mercato, anche le tue bollette si abbassano
  • ❌ Viceversa, risentirai dei rincari.

A PREZZO FISSO (O BLOCCATO)

  • Il costo della materia prima energia è bloccato per tutta la durata del contratto ed è indipendente dall’andamento del mercato all’ingrosso.
  • Il costo al kWh è stabilito dal contratto e rimane, appunto, fisso.
  • ✅ Il vantaggio è che grazie a queste offerte puoi tutelarti dai rincari.
  • ❌ In caso di cali del mercato energetico, però, continuerai a pagare lo stesso.

Il prezzo al kWh nel mercato libero dipende quindi, direttamente o indirettamente, dall’indice PUN. Ecco qui il suo valore attuale👇

💡 PUN (Prezzo Unico Nazionale)

L’indice PUN (Prezzo Unico Nazionale) è il prezzo all’ingrosso dell’energia elettrica pagato dai fornitori, che corrisponde a 0,0949 €/kWh.

Aggiornamento giugno 2024

Questo, invece, è l’andamento dell’indice PUN negli ultimi mesi:

Se vuoi farti un’idea del costo al kWh attuale, qui ci sono alcune delle migliori tariffe per l’energia elettrica del mercato libero che puoi attivare: 

OffertaTariffaDettagli
Pulsee RELAX Index
Pulsee
Prezzo luce
0 €/kWh + PUN
Costo fisso annuo 144€

Prezzo gas
0 €/Smc + PSBIL
Costo fisso annuo 144€

✅ Prezzo indicizzato
✅ Zero burocrazia con Switcho
E.ON FlexClick
E.ON
Prezzo luce
0,0222 €/kWh + PUN
Costo fisso annuo 108€

Prezzo gas
0,104 €/Smc + PSV
Costo fisso annuo 108€
✅ Sconto 27€
✅ Prezzo indicizzato
✅ Zero burocrazia con Switcho
VIVIWeb Market LuceGas
VIVI Energia
Prezzo luce
0,034 €/kWh + PUN
Costo fisso annuo 132€

Prezzo gas
0,135 €/Smc + PSV
Costo fisso annuo 132€
✅ Sconto 60€ solo con Switcho + 88€ di bonus fedeltà
✅ Prezzo indicizzato con tariffa trioraria
✅ Zero burocrazia con Switcho

Cosa significa “prezzo al kWh”?

Per esprimere il prezzo dell’energia elettrica si usano gli €/kWh, ovvero il costo in euro per ogni kilowattora di energia. Come ti abbiamo anticipato, il kWh rappresenta l’unità di energia che puoi consumare, in un’ora, con gli elettrodomestici o l’illuminazione di casa.

Facciamo un esempio: il tuo condizionatore ha un consumo di 0,7 kW (kilowatt) per ogni ora di accensione. Se lo tieni acceso un’ora, consumerai 0,7 kWh di energia per la seguente formula:

0,7 kW (potenza) x 1 h (tempo) = 0,7 kWh

Ipotizzando, poi, che il prezzo dell’energia al kWh sia di 0,23€/kWh, si ottiene che il costo per l’accensione del condizionatore per un’ora è pari a:

0,7 kWh (consumo all’ora) x 0,23 € (prezzo) = 0,16 €/kWh

💡 Conoscere il costo dell’energia al kWh permette di confrontare tra loro le offerte: con tutta probabilità, la tariffa con il costo al kWh più basso ti permetterà di risparmiare.

Prezzo al kWh o prezzo al metro quadro?

Occhio a non confondere il costo della luce al kWh con il prezzo al metro quadro.

Il prezzo dell’energia al metro quadro indica il rapporto tra il consumo di energia e la dimensione della casa. 

In altre parole, questo tipo di misurazione permette di valutare il consumo di energia in relazione ai metri quadri in cui essa viene utilizzata. Alcuni fattori che influenzano l’energia al metro quadro sono:

  • Le abitudini di consumo: quanto tempo si sta in casa e come si usa l’energia;
  • Le prestazioni energetiche della casa: ad esempio la classe energetica degli elettrodomestici e l’isolamento termico;
  • Il numero di persone che abitano la casa e la quantità di elettrodomestici presenti;
  • Il prezzo al kWh applicato dal fornitore (se è alto, questo si ripercuote anche sul costo al metro quadro).

Come capire quanto stai pagando al kWh?

Nel caso del mercato tutelato, è semplice: si tratta dei prezzi stabiliti da ARERA.

💡 Costo energia ARERA per il mercato tutelato

La tariffa per la luce nel 2° trimestre del 2024 (aprile-giugno) è 0,2024 €/kWh tasse incluse.

Aggiornamento giugno 2024

Se ti trovi nel mercato libero, invece, puoi controllare nel tuo contratto di fornitura: lì dev’essere indicato il prezzo della luce al kWh e tutti i dettagli sulle voci di costo previste. 

In alternativa puoi applicare questa semplice formula:

Costo al kWh tasse incluse = spesa totale in bolletta / numero kWh consumati

Entrambi i dati sono riportati in bolletta, vediamo ad esempio dove trovarli in quella di Enel:

Pagina 1
Lettura bolletta Enel (seconda pagina)
Pagina 2
  • Numero 3: qui trovi il totale da pagare in bolletta;
  • Numero 7: qui trovi i consumi fatturati nel periodo di riferimento.

💡 Se invece vuoi scoprire il costo al kWh per la sola materia energia, tasse escluse, puoi applicare la stessa formula sostituendo la spesa totale in bolletta con la spesa per la materia prima (la trovi nella fattura, nella sezione dedicata alle voci di costo).

Il mercato tutelato sta finendo: come passare al libero?

Ti abbiamo spiegato tutto sul prezzo dell’energia nel mercato tutelato, ma devi sapere che quest’ultimo cesserà di esistere a breve.

⚠️ La fine del mercato tutelato e la chiusura del Servizio Elettrico Nazionale sono previste per luglio 2024 per gli utenti domestici non vulnerabili. Il servizio di maggior tutela continuerà ad esistere solo per i clienti vulnerabili, ovvero: gli over 75, persone con disabilità o che necessitano di apparecchiature mediche elettriche, persone con utenze in abitazioni di emergenza e isole minori.

Chi non passa al mercato libero accede automaticamente al Servizio a Tutele Graduali con un fornitore assegnato tramite asta per l’energia elettrica e un’offerta PLACET. Se invece preferisci entrare nel mercato libero, sappi che l’operazione è molto semplice e ti permetterà di sfruttare diversi vantaggi:

  • Ci sono offerte di ogni tipo e quindi puoi trovare quella più adeguata alle tue esigenze e con il minor prezzo al kWh;
  • Puoi approfittare di offerte dual fuel che includono sua luce che gas;
  • Puoi scegliere tra prezzo fisso e prezzo variabile;
  • Puoi scegliere tra offerte monorarie e multiorarie (con differenze tra le fasce di prezzo più marcate rispetto alle tariffe ARERA);
  • Servizi aggiuntivi e digitali offerti dai fornitori;
  • Sconti e promozioni per i nuovi clienti.

Per passare al mercato libero ti basta selezionare l’offerta adatta a te e attivarla (senza dover dare disdetta al vecchio fornitore). A questo punto dovrai attendere dai 45 ai 60 giorni circa perché il cambio sia completo.

In realtà c’è un metodo ancora più semplice di questo: cambiare con Switcho. Troviamo noi le offerte luce e gas più adatte a te e, se decidi di procedere, gestiamo anche tutta la burocrazia della pratica. Ah, ed è gratis!

risparmia sulle bollette con switcho

Perché il costo al kWh della luce cambia?

Sono molti i fattori che influenzano il prezzo dell’energia elettrica sul mercato all’ingrosso (con ripercussioni in maniera diretta o indiretta sulle bollette). Ad esempio:

  • Geopolitica: basta pensare all’impatto che il conflitto Russia-Ucraina ha avuto sul costo dell’elettricità;
  • Costo delle altre materie prime, come gas e petrolio, che rientrano a vario titolo nella filiera di produzione dell’energia;
  • Fonti rinnovabili: la quantità di energia proveniente da fonti rinnovabili e il relativo costo di produzione influisce sul prezzo dell’elettricità.
  • Economia: quando l’economia del Paese è in un buon momento e aumenta la produzione, anche il costo dell’energia aumenta.

👉 In generale vale la legge della domanda e dell’offerta: se la domanda aumenta, cresce anche il prezzo dell’energia. Viceversa, se la domanda è bassa, anche il prezzo al kWh cala.

Redi Vyshka

Redi Vyshka

COO e co-fondatore di Switcho, esperto nei campi della consulenza manageriale e della finanza aziendale, Redi ha contribuito nel 2019 alla progettazione e al lancio del primo servizio in Italia che, con pochi clic, consente di analizzare le proprie spese di casa e di trovare le opportunità personalizzate di risparmio, dimenticandosi la burocrazia. Dalla nascita di Switcho, Redi prende parte a numerosi eventi su startup e settore energetico, grazie alla sua competenza pluriennale nel mercato delle forniture di gas e luce e nelle soluzioni per ridurre i costi in bolletta. Leggi tutti i suoi articoli e seguilo su LinkedIn.
Aggiornato il 21 Marzo 2024
Home » Luce e Gas » Mercato Energetico » Prezzo energia elettrica al kWh nel mercato tutelato e nel libero

Ti potrebbe piacere anche

Articoli correlati

risparmia con switcho